Il corteo rionale

Compito molto importante della Commissione Artistica è quello di provvedere all’organizzazione del Corteo, ed il Corteo è la presentazione al pubblico di tutto il Rione, nelle sue varie componenti. Dai costumi all’oggettistica, alla disposizione e al comportamento delle persone che ne prendono parte, ogni cosa fin nei dettagli  è oggetto di studio e di cura durante tutto il tempo che precede la  manifestazione. Suoni e segni sottolineano la complessità dell’apparizione, mentre la ricchezza dei costumi orientati allo stilema del tardo rinascimento e proto-barocco offre allo sguardo della gente un cromatismo acceso e coinvolgente.

Ad apertura del corteo, che è organizzato con precedenze e in tre gruppi ben definiti, lo spettatore ammira la bandiera rionale portata con fierezza dall’alfiere a cavallo, mentre il suono dei tamburi, ritmico e coinvolgente, crea un’ atmosfera particolare e fortemente emotiva.

Segue il gruppo nobiliare della famiglia Elisei nel quale figurano la Dama Rionale (vestito bianco) i gentiluomini e le dame con seguito di paggi e valletti.  Segue il gruppo politico, nel quale è presente tutto il consiglio rionale, ovvero il priore ed i  consiglieri.

Infine, preceduto dal porta lancia e porta nome, ecco il gruppo equestre, nel quale spicca il cavaliere di giostra con il padrino e gli altri accompagnatori, tutti a cavallo e gli armati di scorta. Numeroso personale subalterno è opportunamente inserito fra i gruppi, ad assolvere varie funzioni richieste durante il percorso, ma quello che più stupisce è la bellezza e la sontuosità dei costumi, realizzati a regola d’arte.